Micaela Tommasi

Ecco perché non dovresti entrare nei gruppi di engagement su Instagram | blog | mydoggymedia.com

Ecco perché non dovresti entrare nei gruppi di engagement su Instagram

Ti hanno chiesto di entrare in gruppi di engagement su Instagram?

E fammi indovinare, pensi che non ci sia niente di male a darsi una mano reciprocamente scambiandosi like, commenti e follow.
Mi è successo qualche giorno fa con l’ennesima richiesta che recitava:
” Ciao! Il tuo profilo ci piace molto! Stiamo cercando persone come te che vogliono crescere su Instagram! A breve apriremo un gruppo di scambio follows e likes gratis e attivo, riservato solo ai profili reali. Ti andrebbe di farne parte?”.
La mia risposta: “Assolutamente no. Se mi mandate questo messaggio è evidente che non conoscete il mio profilo in cui insegno a creare contenuti di qualità e non a cercare scorciatoie peraltro rischiose.”
A parte la poca educazione di inviare un messaggio senza neanche sapere che cosa faccio, ma la risposta mi ha lasciato senza parole “è solo un modo gratuito per farsi pubblicità onestamente”.
Bisogna correre ai ripari, così eccomi a darti 5 motivi per cui non dovresti entrare nei gruppi di engagement su Instagram.

1- portano via un sacco di tempo

Per stare dietro ai tuoi doveri di interazione verso chi pubblica il post, ti avvisano e tu devi correre a commentare entro uno specifico lasso di tempo. Ma attenzione, l’ideale sarebbe fornire interazioni sentite, di valore, altrimenti sarebbero troppo palesemente finte. E questo comporta tempo per pensarci. Tempo che invece potresti impiegare per migliorare la qualità dei tuoi contenuti e studiare una presenza più strategica e in linea con i tuoi obiettivi su Instagram.

2- Vanno contro alle linee guida della community di Instagram

Che titolano un paragrafo con “promuovi interazioni autentiche e di qualità” e precisamente: “non raccogliere in modo artificiale mi piace, follower e condivisioni”. Se l’obiettivo di Instagram è quello di fornire agli utenti un’esperienza autentica e di qualità, l’ingresso in gruppi di engagement aumentando artificialmente le interazioni favorisce tutto il contrario rappresentandone una violazione! Leggi qui per approfondire.

3- aumentano le interazioni ma ne diminuisce la qualità

Cosa vuol dire? Che il tuo pubblico è vuoto, non interessato a ciò che pubblichi quanto a ricevere l’interazione di ricambio. Prova pensarci, quante volte interagisci con altri contenuti solo per essere contraccambiato? Finché si tratta di una corretta strategia di engagement con altri profili in linea con il tuo niente di male, ma, se miri a collaborare con le aziende, vuol dire essere poco influente su di esso. Detto in parole povere, se un brand ti contatta per aumentare le vendite del suo prodotto e tu non hai capacità di influenzare il tuo pubblico, difficilmente riuscirai a convertire le visualizzazioni in vendite. La qualità dei commenti che ricevi è un parametro fondamentale che un brand preparato guarda per scegliere i dog ambassador con cui collaborare. Se sei curioso di sapere cos’altro guarda, ne ho parlato in questo articolo.

4- Ti rovini il posizionamento su Instagram

Se entri nei gruppi di engagement dovrai mettere il follow e interazioni a contenuti e profili che non ti interessano ma solo per dovere. Ciò significa dare le informazioni sbagliate all’algoritmo che continuerà a mostrarti contenuti e profili simili andando a proporre a sua volta i tuoi al pubblico sbagliato. Se gli dai informazioni sbagliate, l’algoritmo lavorerà male per te.

5- È facile beccarti

Sì perché le persone si accorgono di interazioni sospette come di crescita inspiegabile di un profilo con contenuti scadenti. L’unico motivo valido per un picco di crescita è un reel andato virale, ma se vai sul profilo e non lo trovi allora come la mettiamo? Penserai di farla franca davanti a Instagram, ma la rete non perdona. Sarai quello che pensa di essere più furbo degli altri, segnato per sempre alla stesso modo di quelli che si comprano i follower. Che poi.. che cosa te ne fai delle migliaia di follower a cui non importa niente di quello che proponi? È una gara inutile!

Cosa invece dovresti fare per crescere?

  • Migliorare la qualità dei tuoi contenuti in funzione del tuo obiettivo su Instagram.
  • Capire che il numero di follower non conta se si tratta di follower non interessati e entrare nel mood giusto, quello sereno di chi fa le cose per bene e comunica in modo sano
  • Lavorare per metterti in vero contatto con il tuo pubblico e non prendere le distanze da esso!
  • Solo verità, costanza e obiettivo chiaro ti porteranno lontano, tutto il resto è inutile oltre che una gran perdita di tempo.
    Sei un Creator, fai vedere chi sei!
Sei un Creator

Se vuoi migliorare davvero e vuoi capire come farlo, ecco come puoi lavorare con me 🙂
Raccontami il tuo progetto, ho riservato per te una call conoscitiva gratuita